MATERIALI



Libri in evidenza


Per visualizzare tutti i libri presenti naviga il sottomenu dei temi.

Alberto Fiorillo
2012 — pp. 144

Cosa frena l’uso della bicicletta in città? Gli automobilisti, certo. Risposta facile e scontata. Sono pericolosi, fanno paura, monopolizzano lo spazio disponibile sia quando camminano sia quando stanno fermi. Poi ci sono i sindaci. Anche questa è una risposta facile e scontata, dal momento che i sindaci fanno davvero poco per la mobilità ciclabile. Questo libro, però, punta il dito anche contro una categoria apparentemente al di sopra di ogni sospetto: i ciclisti. Se fossero proprio loro a contribuire all’insufficiente diffusione di questo mezzo di trasporto? In NO BICI Alberto Fiorillo scruta talvolta seriosamente e talvolta con ironia (spesso con autoironia) il caleidoscopico mondo dei pedalatori, le diverse tribù in cui si divide, i suoi vizi, le manie e le fobie arrivando a una conclusione a prima vista paradossale: molti ciclisti - sia tra quelli urbani che tra quelli sportivi, sia tra i cicloviaggiatori che tra i feticisti del mezzo - vogliono rimanere in pochi: solo così il loro pedalare potrà apparire eroico, solo così potranno alimentare la loro epica sfida con l’odiato automobilista, solo così potranno dimostrare a se stessi di essere unici, originali, alternativi.

Roberto Rizzo
I prodotti di oggi e le idee per il futuro.
2010 — pp. 336

Negli ultimi anni, quasi tutte le principali case automobilistiche hanno presentato almeno un modello “verde”: dai produttori di utilitarie a quelli delle supercar più prestigiose, l’onda green non ha risparmiato nessuno. L’auto verde viene infatti considerata l’unica risposta alla crisi del mercato automotive, e la riconversione ecologica del parco auto è un tassello fondamentale nella strategia con cui affrontare i cambiamenti climatici e il picco del petrolio. Arricchito da 25 schede di auto ecologiche e da un inserto a colori dedicato ai prototipi, Guida all’auto ecologica traccia un quadro aggiornato delle soluzioni già in commercio. Dal metano al Gpl, dagli ibridi alle auto elettriche, dai biocombustibili all’idrogeno: per ogni tecnologia vengono individuati i limiti e le potenzialità, oltre che gli impatti sull’ambiente e sulla salute. Roberto Rizzo riserva poi un’attenzione particolare alle sperimentazioni più innovative, fino a proporre un modello di mobilità sostenibile, che supera il concetto di auto individuale e prefigura l’integrazione di diversi tipi di veicoli, pubblici e privati, in una rete intelligente.

Enzo Argante
Il futuro della mobilità.
2010 — pp. 256

Sono passati più di 150 anni dall'invenzione del motore a scoppio. Nel frattempo l'umanità ha fatto passi avanti che solo la fantascienza poteva prevedere, abbattendo le barriere spazio-temporali e consegnandoci all'era digitale. In tutti i campi, tranne che in quello delle quattro ruote! Da sempre legata al motore a scoppio che brucia inutilmente carburante, puzza, inquina, l'auto travolge le città e ci costringe a una vita da... Semaforo. Un colpo di sonno secolare inspiegabile, con risveglio brusco e sconvolgente: perché da un giorno all'altro il mercato planetario dell'industria automobilistica è costretto a giocare la partita della sopravvivenza, perché in palio non c'è solo il primato tecnologico o della produzione, ma anche quello dell'influenza politica su stati e continenti; perché attorno all'auto gravitano interessi diretti e indiretti che la rendono prodotto chiave nella società dei consumi, perno degli stili di vita, vera e propria pietra filosofale degli indicatori di crescita; perché è sulle quattro ruote che il sistema economico e finanziario sta esercitando la maggiore pressione (e puntando la posta più alta) orientando precipitosamente il megabusiness del risparmio energetico e della sostenibilità. La crisi accelera i processi di cambiamento e presto un enorme schermo touch screen sulla plancia cambierà il modo di vivere il mezzo. E con esso tutto il resto...

Silvia Zamboni
La mappa del nuovo ciclismo urbano.
2009 — pp. 184

Con la bici in città ci si sposta più velocemente, non si inquina e si fa anche movimento. In breve: si vivono diversamente lo spazio e i rapporti sociali. Eppure, la vita del ciclista urbano rimane molto complicata. Situazione senza uscita? Nuove forme di organizzazione e nuove strategie dimostrano il contrario. Stanchi di aspettare piste e percorsi protetti che non arrivano mai, i ciclisti urbani stanno rinnovando la cultura dell’uso della città. Il ciclista urbano non è più lo sconfitto per definizione. È in difficoltà, certo, e deve lottare per conquistare il proprio spazio vitale sulle strade e per strappare alle amministrazioni pubbliche risorse adeguate per la realizzazione di piste e parcheggi per le biciclette. Ma oggi lo fa con modalità del tutto nuove e con una crescente sensibilità anche da parte degli stessi comuni. "Rivoluzione bici" fornisce la prima mappa dei luoghi, delle persone, dei gruppi, dei movimenti e delle idee che stanno rimettendo in discussione il dominio dell’auto. Lo fa raccontando di biciclette, di ciclofficine, di bike sharing, di cinema, di città ideali e di città reali, di salute.

Andrea Poggio
Auto, moto, bicicletta, aereo, trasporti pubblici: 100 consigli pratici per "vivere con stile" e risparmiare negli spostamenti quotidiani.
2008 — pp. 184

Sapete muovervi con stile? Dopo il successo di Vivi con stile (tre ristampe in due mesi), ecco una nuova guida dedicata, questa volta, alla mobilità sostenibile. Obiettivo: spostarsi ottimizzando tempi e costi, nel rispetto per l’ambiente. In pratiche schede, le indicazioni utili per bambini, anziani, professionisti, studenti, disabili. Alla ricerca di nuove strade - dal car sharing alle centrali della mobilità - per viaggiare in modo più leggero.

Materiali in evidenza


Per visualizzare tutti i materiali presenti naviga il sottomenu dei temi.

IPR Marketing
2011

L'uso delle due ruote nei giorni feriali è più che triplicato negli ultimi dieci anni. Un'istantanea dei mezzi scelti dai connazionali per spostarsi, nel sondaggio realizzato per Legambiente dall'istituto di ricerche IPR Marketing.

Transport&Environment
2011

Un'analisi dei progressi compiuti dalle case automobilistiche verso il raggiungimento degli obiettivi comunitari di riduzione delle emissioni di CO2. Nel Rapporto, in lingua inglese, la classifica dei produttori di automobili per minori emissioni. A cura di Transport&Environment, network europeo di cui Legambiente è partner per l'Italia.

Legambiente
2010

La situazione della "mobilità dolce" nei capoluoghi italiani. Il Dossier stila una classifica dei centri più a misura di ciclista.

ACI e Legambiente
2010

Trent'anni dopo la nascita della prima isola pedonale, ACI e Legambiente ripercorrono la storia delle aree chiuse al traffico e avanzano 12 proposte per uscire dall'ingorgo della mobilità urbana.

Legambiente
2009

La rassegna presentata da Legambiente presso la Fondazione Catella di Milano (16 febbraio 2009) dei casi più esemplari di nuovi quartieri nel mondo progettati per un basso tasso di motorizzazione privata. Una raccolta di storie e di esperienze di successo che fanno riflettere sulla possibilità di sperimentare nuovi modelli dell'abitare e del vivere carfree anche da noi.

Legambiente
2008

Come guidare consumando di meno e riducendo le emissioni senza essere una lumaca. Dalla scelta dell'auto a come guidarla, fino alle regole per una buona manutenzione: tutto quel che occorre sapere per spostarsi comodamente e in sicurezza nel rispetto dell'ambiente.

Legambiente
2008

La guida del Comune di Milano realizzata con la collaborazione di Legambiente per spostarsi in città e nell'hinterland milanese sfruttando tutte le soluzioni di trasporto disponibili alternative all'uso dell'auto di proprietà. Dagli sconti per i mezzi pubblici a come rendere più sicuro l'uso della bici in città, dal car sharing ai servizi di trasporto on demand, ai consigli per guidare un auto inquinando meno. Un vademecum dal punto di vista degli utenti, che promuove un'idea nuova di mobilità a favore di soluzioni ibride, fatte su misura per l’occasione.

Legambiente
2003

Divoratori di gasolio, inquinanti come furgoni, ingombranti e soprattutto pericolosi, specie sulle strade urbane: sono i lussuosi Sport Utility Vehicle. Con questo Dossier Legambiente lancia la sua campagna contro i SUV in città.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia