MATERIALI



Libri in evidenza


Per visualizzare tutti i libri presenti naviga il sottomenu dei temi.

Lisa Casali
Azzerare gli sprechi, risparmiare ed essere felici
2012 — pp. 144

Lo sapevate che utilizzando la parte dei cibi che siamo abituati a scartare è possibile risparmiare anche il 20% sulla spesa? Il comune modo di cucinare genera una grande quantità di scarti alimentari: si eliminano bucce, foglie, gambi che non solo sono commestibili, ma spesso anche più saporiti e ricchi di nutrienti della parti condierate "nobili". Grazie a questo libro scoprirete come ottenere il massimo, in termini di gusto e di risparmio, da scarti e avanzi, e imparerete a utilizzare metodi di cottura che vi faranno risparmiare tempo ed energia: stupirete i vostri ospiti con piatti da gourmet e farete, allo stesso tempo, un regalo a voi stessi e all'ambiente.

Roberto Cavallo
Ricette per la dieta della nostra pattumiera
2011 — pp. 224

Ispirato a uno spettacolo teatrale che ha riscosso notevoli consensi, Meno 100 chili racconta come si può ridurre la quantità di rifiuti che produciamo ogni giorno a casa e al lavoro. Alternando l’approfondimento scientifico con racconti e aneddoti, Roberto Cavallo passa al setaccio le azioni che compongono la nostra quotidianità, e per ognuna ci indica come ridurre la quantità di spazzatura che potrebbe generarsi. Dai detersivi alla spina all’acqua del rubinetto, dai trucchi per ottenere il compost direttamente a casa propria all’uso degli ecopannolini. Dagli uffici che risparmiano carta ed elettricità alle feste di compleanno a zero rifiuti. I risultati potranno sorprenderci. Perché se è vero che produciamo un sacco di rifiuti, che inquinano e impongono la costruzione di discariche e inceneritori, è anche vero che ridurli è facile, vantaggioso e pure divertente.

Ornella Navello
Guida pratica di ecologia domestica.
2010 — pp. 228

La sopravvivenza del nostro pianeta, la salute dei nostri cari, il benessere degli animali dipendono dalla nostra capacità di scegliere prodotti più sani, meno inquinanti ma ugualmente efficaci. In questo libro è raccolta l’esperienza maturata in anni di conferenze e laboratori aperti ai cittadini, durante i quali si è cercato di trovare soluzioni semplici, alle sfide che la nostra vita, sempre più complessa, ci pone. Non è necessario rinunciare ai nostri standard di igiene e di efficienza, ma è fondamentale recuperare la conoscenza e la sapienza antica che sapeva andare di pari passo con la necessità di prevenire, curare, accudire e nutrire la famiglia, rispettando gli equilibri naturali, utilizzando le risorse che la Terra ci offre.

Ornella Navello
Prosperi, ricchi in tempo e in emozioni.
2010 — pp. 290

In natura, nonostante i conflitti continui per la difesa del necessario, tra le diverse popolazioni di viventi si crea una rete di rapporti di convenienza, adattamento, tolleranza minima, da cui risultano una serie di servizi gratis svolti per il mantenimento della biosfera che li accoglie. Per esempio batteri, funghi, coleotteri, ditteri, lombrichi banchettano tutti insieme nel compost o nel sottobosco e al contempo restituiscono, all’habitat dove vivono, un substrato fertile e disponibile all’attecchimento di prossimi vegetali. C’è da chiedersi quali servizi la comunità umana svolga per le altre popolazioni di viventi o per gli elementi alla base della vita di tutti sul pianeta. La maggior parte di noi oggi è molto distante dai processi del pianeta che ci ospita. Si fatica a comprendere questioni che non si possono constatare tutti i giorni individualmente: chiusi in case e uffici con acqua che arriva dal rubinetto e cibi preconfezionati e prelavorati nei market, è facile perdere di vista la nostra profonda “parentela” con piante, animali, insetti, microbi e elementi vitali. In questo volume l’autrice ci fornisce una serie di suggerimenti da applicare nella quotidianità per rendere più ecosolidale il nostro rapporto con il mondo che ci ospita.

Stefania Cecchetti
Cosa si nasconde dentro merendine, piatti pronti, salumi, bibite, yogurt, sughi...
2010 — pp. 208

Un viaggio nel cibo di tutti i giorni: dai sughi pronti ai salumi, dalle merendine alle cotolette di pollo, dai dadi alle patatine, dai succhi di frutta alle bibite e al vino. Una guida facile per fare la spesa districandosi tra coloranti, conservanti, aromi, addensanti e additivi vari. Con un occhio alla qualità dei prodotti, alla salute di grandi e bambini, ma anche ad allergie e intolleranze alimentari.

Deborah Lucchetti
Guida ai vestiti solidali, biologici, recuperati: per conciliare estetica ed etica nel proprio guardaroba.
2010 — pp. 96

È l’ora del cambio di stagione. Questo libro è un prezioso vademecum per rinnovare il guardaroba, coniugando lo stile con il rispetto per l’ambiente e le persone. Una trama che prima svela l’iniquo sistema delle multinazionali tessili e poi spiega i criteri per fare la rivoluzione nel proprio armadio. Per passare dal dire all’indossare trovate qui indirizzi di 100 realtà - produttori, negozi e siti web - con abiti e accessori equi e solidali, biologici e naturali, riciclati o riusati in modo creativo.

Luca Martinelli
Dalle minerali al rubinetto, piccola guida al consumo critico dell'acqua.
2010 — pp. 64

Dal rubinetto del 96 per cento degli italiani esce acqua potabile. Eppure siamo tra i maggiori consumatori d'acqua minerale. Questa guida racconta una limpida verità: dagli acquedotti esce un'acqua buona e sicura ma le aziende imbottigliatrici, a colpi di spot, impongono ai consumatori la minerale in bottiglia, cara e poco sostenibile. Scheda per scheda tutte le aziende che si spartiscono un mercato da 3 miliardi di euro lasciando allo Stato le briciole. Ma non ditelo in giro. Acqua in brocca.

Guido Viale
Riparare, riutilizzare, ridurre.
2010 — pp. 138

Non facciamo mai caso che in albergo, al ristorante, al bar, al cinema, dormiamo tra lenzuola e mangiamo in piatti già usati centinaia di volte, ci mettiamo in bocca posate che altri hanno già utilizzato, ci accomodiamo su sedie e poltrone che hanno già sostenuto molti altri corpi. L’appartamento dove viviamo, se non è di nuova costruzione, è già stato abitato da molte altre famiglie. Le città che frequentiamo sono già state utilizzate per centinaia o migliaia di anni. L’intero pianeta è stato ed è usato e condiviso da miliardi di altri esseri umani. Il mercato dell’usato copre solo una piccola parte di questi passaggi di mano. Dono, baratto, condivisione, abbandono, esproprio e saccheggio hanno da sempre un peso molto maggiore di quanto si pensi: l’atteggiamento, i sentimenti e le finalità che accompagnano queste azioni ci svelano la realtà del nostro rapporto con le cose, che è quasi sempre carico di senso e di affetti, ben più delle pulsioni o dei ragionamenti che guidano all’acquisto del “nuovo”, dove prevalgono invece sensazioni e scelte imposte dal mercato. Ma il riuso ha potenzialità nascoste che occorre sviluppare: perché le cose che scartiamo ogni giorno sono tantissime e perché il riuso conviene sia a chi cede che a chi acquisisce, riduce il prelievo di materie prime e la produzione di rifiuti, promuove condivisione e commistione di gusti e stili di vita, aumenta l’occupazione. Promuovere il riuso si può fare in breve tempo e con poche risorse.

Lisa Casali, Tommaso Fara
Scarti, avanzi e gustose ricette.
2010 — pp. 143

Cucinare in modo sostenibile è facile: possiamo ridurre il nostro impatto sull'ambiente semplicemente intervenendo sui piccoli gesti quotidiani. Ogni scelta effettuata in modo responsabile è un passo importante verso un modo di vivere più attento e consapevole. La cucina a basso impatto ambientale fa bene anche a noi, perché ci offre la possibilità di mangiare in modo più sano e gustoso. In questo libro troverete tanti consigli e suggerimenti per rispettare l'ambiente in cucina, cominciando dalla scelta degli ingredienti per finire con i metodi di cottura. E per mettere subito in pratica i principi della cucina sostenibile ecco tante gustose ricette che utilizzano in modo creativo le parti degli alimenti che siamo abituati a eliminare: bucce di pomodoro, lische di pesce e semi di zucca non sono mai stati così appetitosi.

AzzeroCO2
La cucina a zero CO2.
2008 — pp. 80

Esiste una cucina perfetta? Esiste qualcosa in grado di rendere indimenticabile la nostra tavola? Lasciatevi trasportare con i sensi in questo viaggio a bordo di un vascello carico di meraviglie... a basso impatto ambientale.

Giulio Conte
Come usare meglio l'acqua in casa e in città.
2008 — pp. 208

L'acqua è l'"oro blu" del terzo millennio, capace di scatenare conflitti come già accade per il petrolio. Non è infinita, e se quasi un miliardo di persone non ne ha a sufficienza per soddisfare le necessità primarie, nei paesi dell'Occidente sviluppato spesso la si spreca con grande indifferenza. La tesi di questo libro è che sia invece possibile ridurre notevolmente i consumi idrici domestici e l'inquinamento da essi provocato senza per questo rinunciare ai livelli di comfort cui siamo da tempo abituati. Per farlo è però necessario innescare una piccola "rivoluzione" che, prima che tecnica e politica, è culturale. Chi ha detto che per scaricare un wc si debba usare acqua potabile? E perché abbiamo abbandonato la pratica di accumulare e riutilizzare la pioggia? "Nuvole e sciacquoni" analizza le strategie che sono state adottate nei secoli per la gestione dell'acqua in casa e in città, e spiega come è possibile usarla in modo più intelligente.

Andrea Poggio
Caloriferi e condizionatori, elettrodomestici, detersivi, tempo libero: 160 consigli pratici per una vita a basso impatto ambientale.
2008 — pp. 180

Anche il risparmio è questione di stile. Soprattutto se in ballo c'è l'energia. Meglio il riscaldamento centralizzato o autonomo? Come scegliere il frigorifero più efficiente? Quanto costa installare i pannelli solari? L'energia che consumiamo incide (e sarà sempre più così) sul nostro conto in banca, oltre che sull'ambiente: questa guida suggerisce come rendere più sostenibili, per noi e per il mondo, le nostre scelte quotidiane.

Centro Nuovo Modello di Sviluppo
2006 — pp. 352

Il mercato dell’abbigliamento è inondato da prodotti diversi per colore, stile, marca e qualità, ma quasi tutti uguali per le condizioni di lavoro ingiuste, umilianti e oppressive in cui sono realizzati. È quindi estremamente difficile applicare il consumo critico, perché le imprese seguono la stessa strategia: delocalizzare la produzione in paesi in cui lo sfruttamento del lavoro minorile, il divieto di organizzazione sindacale, i salari al di sotto della soglia di povertà e le condizioni di lavoro disumane e insalubri sono all’ordine del giorno. D’altro canto, le esperienze del commercio equo in materia di abbigliamento sono appena agli esordi o in fase di perfezionamento. Come fare, allora, per non rendersi più complici dello sfruttamento che si cela dietro a ciò che indossiamo ogni giorno? L’obiettivo che si pone questa Guida è quello di far conoscere la complessità del settore, divulgare le informazioni disponibili sulle imprese più in vista e fornire ogni possibile traccia per poter orientare gli acquisti verso prodotti ottenuti nel rispetto dei diritti, dell’equità, della sostenibilità. Tenendo presente che, nel campo dell’abbigliamento e delle calzature, la prima e forse unica vera arma finora nelle mani dei consumatori per contrastare lo strapotere delle multinazionali è l’essenzialità, ovvero ridurre i consumi.

Materiali in evidenza


Per visualizzare tutti i materiali presenti naviga il sottomenu dei temi.

Legambiente e Altreconomia
2013

La denuncia di Legambiente e Altreconomia sul business colossale delle acque minerali: regioni inadempienti, impatti ambientali per tutti, profitti esagerati per pochi.

Legambiente e Movimento Difesa del Cittadino
2012

Vizi e virtù, illegalità ed eccellenze del cibo italiano. Un'indagine completa sulla filiera agroalimentare: tutti i numeri e i casi delle operazioni di controllo ufficiale eseguite in Italia a garanzia del consumatore.

Legambiente e Movimento Difesa del Cittadino
2012

Quanti e quali sono i residui di pesticidi che contaminano la frutta, la verdura e i prodotti trasformati che arrivano sulle nostre tavole? Il rapporto annuale sui residui chimici presenti negli alimenti, risultato dell'elaborazione dei dati ufficiali forniti dai laboratori pubblici di Arpa, Asl e Istituti zooprofilattici.

AIAB, Coldiretti, Legambiente
2011

Corretto scambio fra chi produce e chi consuma, primato della sostenibilità ambientale sul profitto economico, investimento nelle fonti di energia rinnovabili e indipendenza dal petrolio. In un Dossier, presentato in occasione della XII edizione della Biodomenica, tutte le ragioni per scegliere "bio".

Legambiente e AzzeroCO2
2011

Fuorilegge da quasi vent'anni, l'amianto è ancora presente a tonnellate in Italia. Come liberarsene? La soluzione si chiama: solare più gruppi d'acquisto. Obiettivi e strategie della campagna Eternit Free di Legambiente e AzzeroCO2 presentata a Milano (8 luglio 2011).

Legambiente e Federutility
2010

Controllata, economica e rispettosa dell’ambiente. Tre buone ragioni per bere acqua del rubinetto, in un Dossier che sfata molti luoghi comuni che ancora la circondano.

Legambiente Campania
2010

Come recuperare la frazione organica dei rifiuti che ogni giorno produciamo e fare in casa dell'ottimo terriccio per ingrassare piante e fiori del nostro terrazzo. Una piccola guida al compostaggio domestico.

Legambiente e Associazione Italiana Medici per l'Ambiente
2010

Che cos'è l'amianto, dove si trova e come si riconosce, gli effetti sulla salute e come intervenire in caso di presenza accertata. In questo opuscolo informativo rivolto a cittadini, lavoratori e medici, gli strumenti per difendersi dalla fibra-killer e agire in prima persona per combatterla.

Università Milano-Bicocca, Legambiente Lombardia onlus, Prothea e FEM2 Ambiente
2010

Come conservare i cibi e non farsi sorprendere dalla data di scadenza. Una guida critica per ridurre gli sprechi sulle nostre tavole e alimentarci meglio.

Legambiente
2010

Una piccola rivoluzione è in corso nelle vite di 60 milioni di italiani: finalmente per fare la spesa non sprecheremo più oltre 300 sacchetti di plastica usa e getta procapite l'anno! In questo Dossier tutti i numeri sugli shoppers fatti col petrolio, i loro danni all'ambiente, le alternative per andare oltre l'usa e getta.

Legambiente e Folletto
2009

A casa ci sentiamo al sicuro. Eppure, tra le mura domestiche si nascondono molte insidie. Le stesse operazioni di pulizia, se eseguite senza buon senso, possono pregiudicare la nostra salute, nuocere all'ambiente e non dare i risultati sperati. In questo opuscolo, consigli e suggerimenti pratici su cosa fare nel quotidiano per migliorare la qualità dell'aria di casa nostra, creando le condizioni per un ambiente salubre e sicuro.

Legambiente
2006

È classificata come cancerogeno certo, eppure la si trova ancora praticamente dappertutto. Caratteristiche e impieghi della formaldeide in Italia, le proposte di Legambiente per rivedere la normativa e ridurre i rischi da esposizione.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia