MAGAZINE


Magazine
  26 ottobre 2011

Vizi e virtù dell'Italia a tavola

Nel rapporto di MDC e Legambiente, tutti i numeri sulla sicurezza alimentare in Italia. Tra frodi eclatanti e più di 430mila controlli a difesa del consumatore.

L'allarme contraffazione colpisce la buona cucina. A lanciarlo è l'ottavo rapporto Italia a tavola sulla sicurezza alimentare a cura di Movimento Difesa del cittadino e Legambiente, presentato oggi a Roma. Tante le storie di falsi raccontate in questa edizione. Tutte riguardano prodotti rappresentativi della cucina italiana all’estero ma anche onnipresenti sulle nostre tavole: dalle mozzarelle di bufala campana DOP contraffatte alle 400mila tonnellate di falsi pomodori San Marzano sequestrati, dai taroccamenti di vini blasonati come l'Amarone e il Valpolicella Ripasso agli oli “deodorati” spacciati per extra vergine destinati al commercio per un valore di 4 milioni di euro, fino ai Panettoni e alle Colombe falsamente artigianali.

A leggere tutte le notizie di frodi e di sofisticazioni, ce ne sarebbe abbastanza da farci passare l'appetito. Se non fosse che nel rapporto sono tanti anche i numeri che ci dovrebbero tranquillizzare. Solo nel 2010, infatti, le forze dell'ordine hanno effettuato più di 430mila controlli ed evitato che sulle nostre tavole arrivassero 36 milioni di chilogrammi e più di 18 milioni di litri di prodotti contraffatti o in cattivo stato di conservazione.
La vita dei “falsari del cibo" è dura. E, comunque, le buone pratiche non mancano anche nell'agroalimentare. Tra gli esempi premiati oggi da Italia a tavola, il nuovo modello di ristorazione ospedaliera di qualità della Asl di Asti, il servizio di refezione scolastica del comune di San Lazzaro di Savena a base di prodotti biologici certificati e a filiera corta, l'attività di informazione al consumatore sui prodotti ittici di Eurofishmarket.


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia