MAGAZINE


Magazine
Andrea Poggio   15 giugno 2020

Vere rinnovabili nei trasporti

Venerdì 12 giugno si è svolto il webinar “Vere rinnovabili nei trasporti” sul recepimento della direttiva europea REDII, organizzato da Legambiente e dall'on. Rossella Muroni. Alle Camere infatti è avviata la discussione sul recepimento della direttiva sulle energie rinnovabili (la "REDII", 2018/2001), che ha come obiettivo di aumentare la quota di energia davvero green entro il 2030

Si vieti in Italia già dal primo gennaio 2021 l’uso di oli vegetali – come l’olio di palma e di soia – nei biocarburanti e si promuovano davvero solo le vere rinnovabili nel settore trasporti a partire dagli olii alimentari usati, dal bioetanolo da scarti agricoli cellulosici, il biometano da rifiuti organici e scarti agroalimentari – insieme alla mobilità elettrica da fonti rinnovabili”. Sono queste le proposte che Legambiente ha lanciato oggi a governo e parlamento nel corso del webinar (vedi articolo proposte Legambiente).

La nuova direttiva europea, per quel che attiene i trasporti, si propone un obiettivo è contenuto (al 7-14% al 2030) ma obbliga i fornitori di carburante all’uso di biocarburanti davvero rinnovabili e non alimentari (così detti “avanzati”) e all’uso di elettricità rinnovabile nell’energia consumata nel trasporto su strada e su rotaia.  In particolare, la REDII introduce il requisito di sostenibilità per le materie prime forestali nonché i criteri Ghg (emissioni serra) per i combustibili solidi e gassosi da biomassa, per poter beneficiare del sostegno economico o di mercato del governo. Ad esempio, la RED II da la facoltà agli Stati membri dell’Ue di cessare i sussidi all’uso di olio di palma e derivati tra il 2020 e il 2030, oppure può determinare i sussidi alla mobilità elettrica su gomma o ferro. E a questo proposito vi invito a scarica le slides dell'intervento dell'ing. Veronica Aneris di Transport&Environment nonché il documento europeo Transport&Environment sul tema (inglese), link alla fine dell'articolo.

All’evento, moderato da Andrea Poggio, responsabile mobilità sostenibile Legambiente, hanno partecipato la deputata Rossella Muroni, il senatore Gianni Girotto, l’onorevole Diego De Lorenzis, Tullio Berlenghi del Ministero dell’Ambiente, il presidente GB Zorzoli del Coordinamento Free, il direttore Sandro Cobror di Assodistil, il segretario Dino Marcozzi Motus-E e Veronica Aneris di Transport&Environment. Conclusioni di Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente. Come potete seguire nella registrazione integrale dell'incontro. Qui articolo di sintesi dell'incontro e qui il video su Youtube:

Non dobbiamo più commettere errori di dieci anni fa, quando per legge si è consentito ai petrolieri di farsi pagare dagli automobilisti l’uso di olio di palma (600 mila tonnellate all'anno) importato dall’Indonesia e, in misura minore, dalla Malesia invece di usare rinnovabili “vere” e italiane come biometano da rifiuti e bioetanolo da scarti cellulosici, anche di origine agroalimentare, ma anche elettricità rinnovabile che serve per muovere veicoli elettrici di varia natura: auto, furgoni, camion, gru e navi nei porti, treni merci e pendolari, tram e filobus. L’Italia non perda dunque l'occasione oggi di interrompere gli incentivi all’uso dell’olio di palma nel diesel, come già oltre 59.000 italiani hanno richiesto firmando una petizione su www.change.org/unpienodipalle. La Francia ha già tolto gli incentivi all’olio di palma da sei mesi (1 gennaio 2020), Eni ha già annunciato di rinunciarvi entro il 2023. Prima vittoria.

E che rinnovabili “vere” usare al posto? Due le proposte nuove e interessati emerse dall'incontro. Dino Marcozzi di MotusE ha spiegato come potrebbe funzionare meccanismo di sussidio a favore della mobilità elettrica rinnovabile, mentre Sandro Cobror di Assodistil come fare a sostenere e costruire delle vere e proprie "bioraffinerie", che a partire da sottoprodotti agroforestali, diano vita a prodotti di "chimica verde", bioetanolo domani, ma bioplastiche e biocombustibile avanzati domani (vedi slides di presentazione qui sotto).

 

 

File allegati:

NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia