MAGAZINE


Magazine
Andrea Poggio   8 dicembre 2015

Una nuova economia dell'abitare, civile

La gran parte delle case che abitiamo richiederebbero di essere riqualificate ed ammodernate. Per moltissime ragioni. Il risparmio energetico è solo una delle ragioni. Ne volete altre? Quante abitazioni in Italia sono da considerarsi a rischio sismico? Secondo l'ordine dei geologi il problema coinvolge 24 milioni di abitanti su 60. E a rischio dissesto o esondazioni? Più di 8 milioni di italiani. Quante sono case sicure, dotate di impianti a norma, scale non pericolose? Stando alle stime dell'Inail, il 78% dei 3 milioni incidenti che annualmente ci coinvolgono avvengono in casa, il 18% i luoghi di lavoro e il 4% la strada. Poi certamente, quasi tutti gli edifici che abitiamo, sprecano energia e sono riscaldati (e raffrescati) male: le condizioni di vita sono spesso poco confortevoli e poco salubri (rumore, polveri, allergeni, inquinanti...).
Ce ne sarebbe abbastanza per un grande “piano casa” nazionale (altro che crisi dell'edilizia!) che coinvolgesse l'edilizia pubblica (scuole, uffici, edilizia pubblica) e quella privata (l'80% degli italiani è proprietario di abitazioni). In Italia sono censite quasi 29 milioni di abitazioni, di cui 24 occupate. Anche supponendo che solo l'80% di queste abbiano bisogno di essere profondamente ristrutturate (quando non demolite e ricostruite), nel corso dei prossimi 30 anni, dovremmo aprire 600 mila cantieri all'anno, 3 mila al giorno lavorativo. E' l'ordine di grandezza delle di domande di recupero fiscale di interventi di riqualificazione energetica di questi anni, ma dovrebbe riguardare interventi di entità dieci volte maggiore, riguardanti anche la struttura edilizia, l'involucro e tutta l'impiantistica.

Cosa c'è bisogno nelle nostre case?

Non abbiamo solo bisogno di case e uffici di migliore qualità energetica. Ma soprattutto di salute, sicurezza e qualità di servizi e di relazioni. L'ambiente di vita non risolve ogni problema, ma aiuta a cambiare la vita. Legambiente ha provato a raccogliere casi, case e esperienze in occasione della prima fiera dell'abitare collaborativo, Experimentdays, il 7e 8 novembre scorso a Milano. Ecco un primo elenco (nell'immagine da scaricare e nei prossimi articoli).

 


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia