MAGAZINE


Magazine
  12 aprile 2011

Più viaggi, meno paghi

Offrire un ottimo servizio, farlo pagare per quanto vale e premiare con sconti sempre maggiori i clienti più affezionati. Ecco la formula vincente per convincerci a usare di più i mezzi pubblici. Impariamo da Londra, dove l'hanno già scoperta.

Dal 2008 sugli autobus di Troia, piccolo centro in provincia di Foggia, si viaggia gratis. Fantastico, verrebbe da pensare, salvo poi scoprire che questa misura non ha sortito grandi effetti: il traffico è rimasto lo stesso e gli autobus non sono presi d'assalto come ci si aspetterebbe. Il motivo? Semplice: tendiamo a dare scarso valore a ciò che non paghiamo.
Oltre Manica l'hanno capito molto bene e a Londra (altri numeri, altra cultura) hanno adottato una politica che è esattamente l'opposto di quella di Troia. Vincente.
Per convincere i cittadini a lasciare a casa l'auto e incoraggiare l'utilizzo dei mezzi pubblici, il Comune ha predisposto una politica tariffaria basata sul principio che più li usi e meno paghi.
Il biglietto per una corsa singola in metropolitana costa la bellezza di 5 euro. Per viaggiare spendendo meno i londinesi si tengono sempre in tasca una Oyster Card. Prepagata e ricaricabile, non solo permette di acquistare singoli biglietti alla metà del prezzo, ma una volta arrivati ad un certo numero di corse nell'arco della giornata consente di salire su tutti i mezzi praticamente gratis.
Ecco la giusta direzione: offrire un ottimo servizio, promuoverlo, quotarlo per quello che è il suo reale valore e prevedere sconti sempre maggiori per gli utenti più affezionati.
Notizia tratta dal numero di aprile di Terre di mezzo


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia