MAGAZINE


Magazine
Andrea Poggio   22 giugno 2020

Non solo auto (elettrica)

L’auto elettrica non decolla: ecco perché | Milena Gabanelli - Corriere.it
 
Milena Gabanelli, come al solito, ha una parte di grandi ragioni. Ma dimentica:
1) la mobilità elettrica e/o sostenibile non è solo automobili
2) l’economia circolare delle batterie è da costruire: ma sempre più avanti di quella del carbonio. Chi sta Investendo, con quali tecnologie, su cattura carbonio al tubo scappamento auto per riutilizzarlo o seppellirlo?
3) i minerali: il Litio sta soprattutto in America Latina, il controllo asiatico (non solo cinese) è industriale, anche sul cobalto (che sta in Congo). Ma l’Europa (anche progetti e investimenti italiani) sono avanguardia nelle batterie che non usano più cobalto
4) perché l’Italia non sfrutta le risorse economiche che Europa ha già concesso per lo sviluppo di un’industria italiana nell’ambito dell’Alleanza Europea sull’Economia Circolare delle batterie? Vedere la mappa europea nell’inchiesta della Gabanelli preoccupa: è così che ci prepariamo a Recovery Plan?
5) stesso ragionamento si può fare su FCA: il governo si avvia a garantire il prestito richiesto da FCA. Ma mentre la Germania ha imposto a Volkswagen un impegno industriale verso l’elettrico, FCA si può permettere di essere ultima in Europa?
6) l’Italia (e l’Europa) non uscirà dall’attuale crisi economica post lockdown perché le famiglie impoverite acquisteranno tante auto nuove (diesel, ma neanche elettriche). Chi è rimasto disoccupato o comunque impoverito, non pensa proprio a cambiarsi l’auto. Oggi abbiamo più auto che patenti, ma ci muoviamo meno non solo del 2019, ma anche del 2007, così come siamo più impoveriti del 2007 e del 2019.
7) e allora, come assicurare mobilità sostenibile a tutti, anche a chi non acquisterà più la seconda, se non la prima, auto di famiglia? Come già dal 2013, soprattutto nelle città medie e soprattutto grandi, siamo riusciti a muoverci più di prima e a costi ambientali e economici inferiori grazie a trasporto pubblico rilanciato, integrato con nuovi servizi condivisi e mezzi leggeri, pieghevoli, anche elettrici. 
8) dobbiamo vincere una nuova paura, nata con la pandemia: dobbiamo pian piano riutilizzare il mezzo pubblico, rischiare - a certe condizioni - la promiscuità della condivisione. Non sarà facile, ma non c’è alternativa ...
9) perché l’abitacolo chiuso e gli spazi e i volumi angusti delle nostre automobili, le sue prese d’aria all’altezza dello scappamento dei mezzo che ci precede, rende l’auto chiusa (non decapottabile) il veicolo di contagio e il luogo più inquinato è pericoloso (per se è per gli altri) della nostra vita moderna.
 
https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/auto-elettrica-non-decolla-ecco-perche/4b1834ba-b3e0-11ea-af5b-39ef34d55a35-va.shtml


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia