MAGAZINE


Magazine
  13 dicembre 2011

Natale sostenibile, festeggialo con noi!

Dall'albero alle lucine al cenone, tutto può essere green. I nostri suggerimenti per festeggiare il Natale con meno sprechi e più rispetto per l'ambiente.

Il Natale si avvicina e per chi non vuole rinunciare alla tradizione dell'albero, delle luci colorate e degli addobbi sfavillanti, ma vuole che le proprie feste siano un po’ più sostenibili, ecco alcuni suggerimenti per festeggiarlo con meno sprechi e più rispetto per l'ambiente

ALBERO: vero o finto?
Un albero vero consuma durante tutto il suo ciclo di vita circa un quinto dell'energia consumata da un albero artificiale e pertanto tra i due è da preferire quello vero. Con qualche accorgimento, però.

  • Se l’albero ha le radici recise o troppo corte, infatti, sarà molto difficile che possa sopravvivere piantandolo nuovamente dopo le feste. Sarebbe meglio, dunque, scegliere dei cimali o punte di abete provenienti dagli interventi di diradamento dei boschi che i forestali fanno abitualmente.
  • Oppure alberi coltivati in vivaio che aiutano l’ambiente perché vengono prodotti in terreni marginali, abbandonati o incolti e che altrimenti sarebbero destinati all’abbandono e al degrado idrogeologico.
  • Il Corpo Forestale dello Stato consiglia poi di scegliere altre specie in alternativa all’abete che è adatto esclusivamente alle zone montane. I sempreverdi (ginepro, alloro, leccio), ad esempio, si adattano bene al clima cittadino e di pianura.
  • In ogni caso bisogna fare attenzione alla presenza di un bollino metallico o un etichetta di riconoscimento che ne certificano la provenienza italiana.
  • Finite le feste, se non si ha la possibilità di piantarlo in giardino, possiamo donare il nostro albero ai centri di raccolta indicati da molti vivaisti o dai comuni che provvedono al recupero per farne legno o a ripiantarli in luoghi adatti all’attecchimento. Infine, se si sceglie un albero vero è meglio evitare addobbi troppo pesanti che possono danneggiarlo, mantenere umide le radici, tenerlo lontano da fonti di calore e correnti d’aria.

LUCI E ADDOBBI
Visto che il Natale senza luci è difficile da immaginare meglio illuminarlo con i led o con lampadine a basso consumo di energia. Esistono ormai molte luminarie che sfruttano questa nuova tecnologia. Anche per l’albero o per decorare la casa è possibile realizzare addobbi con materiali naturali come legno, rafia, spago, pasta o con oggetti riciclati.

CENONE
Anche se i menù natalizi spesso abbondano di ingredienti esotici, meglio prediligere prodotti alimentari da agricoltura biologica, locali e di stagione che percorrono meno chilometri e sostengono le economie locali e limitare i piatti a base di carne. Per il vino, si può scegliere tra quelli di Libera coltivati nelle terre confiscate alla mafia, per il caffé e la birra quelli prodotti in carcere a Torino, insieme ai tanti prodotti del circuito del commercio equo e solidale.
Terminate le feste, è raro che non avanzino scarti di pranzi e di cene: impariamo l'arte del recupero. Basta digitare "la cucina degli avanzi" su Internet per trovare ottime idee e non buttare via proprio nulla!

AUGURI
Le tradizionali cartoline e i biglietti d’auguri di carta hanno sempre il loro fascino ma scegliere un e-card è sicuramente più ecofriendly. E poi sono molto veloci e personalizzabili. In alternativa, per i meno tecnologici, in commercio esistono tantissimi biglietti in carta riciclata o ecologica che hanno la stessa funzione, ma che riducono notevolmente l'impatto sull'ambiente dei nostri auguri. Quelli di Legambiente per il progetto Rugiada hanno il valore aggiunto di portare anche un messaggio di solidarietà per i bambini provenienti dalle zone più contaminate dal disastro nucleare di Chernobyl.

REGALI
Sì, ai prodotti biologici, del commercio equo e solidale, realizzati nel rispetto dell’ambiente e della dignità dei lavoratori. Tante buone idee nel nostro Bazar.
Per chi è alla ricerca di un regalo veramente speciale, Legambiente propone l'adozione delle tartarughe marine in difficoltà ospitate presso il suo centro di Manfredonia.
Un'idea per farci ricordare tutto l'anno? Regalare l’iscrizione a Legambiente con abbonamento al mensile La Nuova Ecologia.

SHOPPING
Per il giro di acquisti, risparmiamo stress e carburante lasciando a casa l'auto e muoviamoci in bici, a piedi o con i mezzi pubblici. Ultima raccomandazione: le sporte riutilizzabili. Non dimentichiamo di portarle sempre con noi!


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia