MAGAZINE


Magazine
  28 maggio 2013

Locloc, dove tutto si affitta

Arriva in Italia la prima community di noleggio tra privati. I vantaggi del consumo collaborativo, a portata di click.

Avete una cena importante, ma niente da indossare per l'occasione. Vi serve un trapano il giorno del trasloco oppure l'attrezzatura da campeggio per le due settimane di vacanza.

Niente paura. Non c'è bisogno di correre in negozio a spendere soldi per l'ennesimo acquisto, che useremo una volta, per poche ore, magari minuti, e che finirà solo per rubare spazio prezioso in casa nostra.
L'alternativa? Farsi imprestare ciò che occorre da chi già lo possiede. E' la proposta di Locloc, la prima piattaforma italiana on line di noleggio tra privati che permette di prendere in affitto e di mettere a nolo qualsiasi oggetto, con un costo giornaliero.
Un trapano 12 euro, una racchetta da tennis 2.40, la macchina per fare la pasta 3.60, lo scanner fotografico 4.80 ...fino all'affitto della casa stessa!
Chi offre guadagna un po' di euro per beni che altrimenti resterebbero inutilizzati in cantine e
ripostigli, chi cerca risparmia, ottenendo ciò che vuole a un prezzo ridotto, in un circolo virtuoso che fa bene anche all'ambiente. Meno oggetti inutili in circolazione oggi, meno spreco di risorse e meno rifiuti da smaltire domani.

Il sistema sfrutta la geolocalizzazione per suggerire tra i vari articoli quelli il più possibile vicini a casa e garantisce massima sicurezza. Prenotato l'oggetto e ricevuta conferma da parte del proprietario, si stipula prima dello scambio un vero e proprio contratto di locazione che comprende anche una copertura assicurativa.
E poi, ci sono i giudizi di chi ha già sperimentato la piattaforma. Sull'esempio dei siti di e-commerce, nella community di Locloc ogni utente ha un profilo completo di recensioni e valutazioni, che gli altri membri possono visualizzare per stabilirne l'affidabilità.
Reputazione e fiducia sono i presupposti di ogni consumo collaborativo.
Cosa aspettate, allora, a noleggiare quel che vi serve e a condividere quel che non usate più ?  

LEGGI ANCHE:

Un social network per condividere la lavatrice e risparmiare

Reoose, il baratto ai tempi del web 2.0


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia