MAGAZINE


Magazine
  28 gennaio 2012

La Francia chiude le porte allo spreco di frigo e congelatori commerciali

Le grandi catene di supermarket dovranno dotare di porte chiudibili i frigo senza sportelli per eliminare consumi superflui.

Vietato lasciare aperti frigo e congelatori dei supermercati: consumano troppa energia. La decisione arriva dal governo francese ed è già stata accolta dalle catene di supermercati d'oltralpe. In pratica, i frigo senza sportello dei supermarket, quelli dove trovano posto per lo più surgelati e piatti precotti, dovranno essere dotati di porte chiudibili con doppi vetri per non far scappare via il freddo ed eliminare così inutili consumi di corrente.

Le ragioni di questo spreco sono puramente commerciali e muovono dalla convinzione che un frigo aperto, rendendo più accessibili i prodotti, invogli anche di più il consumatore ad acquistarli. Di fatto, recenti studi hanno dimostrato invece che l'introduzione di porte chiudibili sui banchi frigo non condiziona il comportamento dei consumatori a discapito delle vendite. Mentre riduce significativamente i consumi elettrici, anche del 30%, e contribuisce a una migliore conservazione dei cibi. Tutto a vantaggio anche del comfort di clienti e personale. L'aria fredda che esce dai frigo aperti, andandosi ad accumulare al livello del pavimento, provoca infatti un'insana sensazione di freddo ai piedi, soprattutto nei mesi estivi, e per chi staziona a lungo da quelle parti è facile ammalarsi.

Brava, dunque, la Francia. Anche se bisognerà attendere per verificare se le catene di supermarket rispetteranno il provvedimento. Copiarlo anche da noi sarebbe auspicabile. Quante volte andando a fare la spesa in un ipermercato ci è capitato di gelare in piena estate? Basterebbe una porta, per chiudere con il freddo e con lo spreco.


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia