MAGAZINE


Magazine
Umberto Di Maria   4 febbraio 2014

Be a Food catalyst! Parte la scuola per gli esperti di filiere alimentari alternative

L’idea è quella formare degli esperti di filiere alimentari alternative grazie alla Food Catalyst School per avvicinare agricoltori e cittadini, incentivare le autoproduzioni, ridurre il più possibile gli impatti delle filiere agroalimentare sull’ambiente. Il nome del progetto è di per sé uno slogan: ‘Hungry for rights’ ovvero ‘affamati di diritti’ che spiega bene quanta mancanza di equità e di sostenibilità ci sia spesso lungo il cammino delle attuali filiere agroalimentari che portano il cibo di cui ci nutriamo nella grande distribuzione. Al cambiamento degli stili di vita alimentari è dedicata la comunità 'Hungry for Right' dedicata a coloro che vogliono iniziare dal cibo e dall’alimentazione a cambiare il loro stile di vita quotidiano (qui trovi come iscriverti). Il progetto porta la firma di Acra-Ccs, Mani Tese e Fondazione Legambiente e di altri partner in Europa. 

Sono 100 i Food Catalyst che ‘Hungry for rights’ seleziona in 5 paesi europei per promuovere un nuovo approccio alle politiche agricole e alimentari. I Food Catalyst, in Italia come negli altri Paesi europei,  avranno il compito di facilitare la creazione dal basso di una rete di soggetti composta da cittadini, addetti ai lavori e amministratori locali con l’obiettivo di presentare delle proposte concrete a livello locale e comunitario nel contesto di EXPO 2015.

Tra Febbraio e Maggio 2014 si terranno le lezioni dell’ European Food Catalyst Schools per formare i Food Catalyst sui temi del progetto e sulle tecniche di animazione di rete. In calendario ci sono tre fine settimana di formazione intensa e visita a realtà virtuose sul territorio lombardo, 15 ore di di tutoring e mappatura del territorio e la partecipazione al Convegno Internazionale di Mani Tese che si terrà a Milano il 9 e il 10 Maggio 2014.
I Food Catalyst potranno lavorare in rete con altre organizzazioni ed enti locali sul tema del cibo e dell’agricoltura sostenibile e solidale, scambiare esperienze e idee e partecipare a visite di scambio con gruppi e associazioni di altri paesi europei e con il Senegal; attivarsi sul proprio territorio in modo da influire sulle politiche locali del cibo e far sentire la propria voce nel percorso verso Expo 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”.

La scuola è a numero chiuso (30 persone) e la partecipazione è gratuita. Per iscriversi inviare entro il 23 febbraio il Curriculum Vitae e una lettera di motivazioni a italia@hungryforrights.org

Per informazioni dettagliate sul programma della Food Catalysts School clicca qui o scarica l'allegato alla fine dell'articolo. Grazie!

File allegati:

2 COMMENTI


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia