MAGAZINE


Magazine
  13 dicembre 2010

Dal 1° gennaio bollette luce e gas più trasparenti

Termini comprensibili, consumi chiari, numeri di assistenza evidenti. In arrivo da gennaio una nuova bolletta semplificata, uguale per le forniture di luce e gas, per facilitare controlli e lettura.

Bollette più trasparenti e consumatori più tutelati con il nuovo anno. Uno schema semplificato e unico, per le forniture di elettricità e gas e per quelle congiunte luce/gas, verrà introdotto per facilitare la lettura e i controlli delle bollette che riceveremo a partire dal 1° gennaio prossimo. La nuova bolletta (delibera Arg/com 202/09) sarà composta da un quadro sintetico e da un quadro di dettaglio. Nel primo troveremo le informazioni principali tra cui tipo di fornitura, riepilogo dei consumi (per fasce orarie nel settore elettrico), importo da pagare, scadenza, numeri per reclami e guasti. Nel secondo quadro verranno spiegate nel dettaglio le diverse voci di spesa, suddivise fra servizi di vendita (liberalizzati) e servizi di rete (soggetti a regime tariffario), per consentire così alle aziende di vendita di chiarire le diverse componenti previste nei contratti e ai consumatori di controllare e verificare al meglio la corretta applicazione del contratto.
Altra importante novità: le nostre bollette parleranno un linguaggio più chiaro. L'Autorità ha pubblicato un mini-glossario (scaricalo qui) per spiegare i principali termini che ricorrono in bolletta e che anche i fornitori del mercato libero dovranno rendere disponibile sui propri siti Internet.
Speriamo che tutto questo voglia dire più garanzie per le famiglie che sceglieranno di passare al mercato libero. Sin ad ora, poche ce ne sono state. Proprio la scarsa trasparenza e comprensibilità delle bollette è finita qualche mese fa sul banco d'accusa. Cinque tra le maggiori società elettriche italiane sono state multate dall'Autorità con sanzioni per oltre 1,8 milioni di euro (leggi qui il comunicato dell'Autorità). Niente male...


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia