MAGAZINE


Magazine
Ancora bonus auto inquinanti   15 dicembre 2020

Ancora "bonus" auto inquinanti

Ancora bonus auto inquinanti. Per la terza volta da inizio anno, il solito onorevole PD Gianluca Benamati ha presentato (con l’appoggio esplicito dei populisti di destra) un emendamento alla legge di bilancio per regalare 324 milioni di bonus ai concessionari auto per la vendita di autoveicoli a emissioni di CO2 g/km talmente alte (ben 135, mentre la media del nuovo venduto in Europa dovrebbe essere al di sotto dei 95) da includere anche i tradizionali modelli diesel e benzina. Abbiamo già denunciato più volte che un tale premio non aumenta in alcun modo i vantaggi per il cittadino ma aiuta solo i concessionari a promettere i soliti sconti sui listini (circa 5 mila euro). Sconti che compensano le multe che le case auto dovranno pagare su quelle che superano la media di inquinamento fissata su scala continentale.

Le case tengono alti i prezzi di listino, promuovono sconti pazzeschi (gli stessi dell’anno scorso) e usano il bonus per pagare la multa per inquinamento. Peccato che il “democratico” Benamati proponga bonus aumentando il debito pubblico, quindi a pagare è il contribuente italiano.

Ma è un altra la conseguenza nefasta della proposta populista di Benamati. Le auto nuove fossili e inquinanti vendute in questi ultimi 15 anni in Italia, in tutte le fasce di gamma, sono aumentate di prezzo tra il 17% e il 25%. Mentre l’Italia ha perso ricchezza, il Pil – dal 2007 a oggi - è tornato a quello del 2000. Pochi ricchi ancora più ricchi, tanti, il 70% degli italiani, più poveri. Non c’è da stupirsi che il mercato auto nuove continui a perdere colpi. Pochi sono gli italiani che oggi pensino a farsi l’auto nuova dopo la la crisi Covid 19. E infatti -30% di vendite.

E in Europa? Il mercato auto nuove in Europa si evolve, diminuiscono le vendite, già prima della pandemia, diminuiscono gli acquisti delle famiglie (dal 45% al 43%, tra 2015 e 2019) mentre aumentano quelli delle aziende e flotte noleggi (dal 55% al 57%). In Germania 2019 famiglie 34%, aziende 66%. Francia famiglie 46%, aziende 54%. In Italia, al contrario, famiglie 60% e aziende 40% nel 2019, a ottobre 2020, nel calo di mercato e per effetto dei bonus, tutti orientati a favorire gli acquisti delle famiglie (quelle che se lo possono permettere, nella crisi), famiglie 69%, flotte 31%. 

Le auto nuove costano sempre di più. Le auto elettriche, nonostante bonus e incentivi, costano all'acquisto ma cominciano a convenire per i bassi costi di gestione. Conclusione: l'Italia carica l'elevato costo del rinnovo del parco auto sulle famiglie, mentre tutta Europa promuove l'investimento delle aziende nelle auto elettriche, quelle più propense ed interessate a valutare il costo totale di uso delle auto nella loro vita utile. 

Il “democratico” Benamati promuove l’auto solo per la minoranza degli italiani non colpiti dalla crisi, difende il fossile e l’inquinamento per tutti gli altri e fa vendere poche auto elettriche (in Italia il 2%, in Germania e Francia il 7% del mercato). Mi pare che la ricca Germania sia insieme più green e democratica di noi.


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia