MAGAZINE


Magazine
Andrea Poggio   24 agosto 2020

100 milioni alle auto inquinanti

Bonus auto Decreto agosto: perché è sbagliato finanziare con 100 milioni “bonus auto” che emettono più di 95 grammi CO2 a chilometro.

L’attuale versione del “DL agosto” riserva ben 100 milioni (su un totale di 500 milioni ai bonus auto) alle auto con emissioni tra 91 e 110 grammi CO2 al km. Si tratta di un bonus pari a 1.500 euro ad auto (con rottamazione) e 750 euro senza. Quindi servono per finanziare circa 100 mila auto tradizionali (benzina e diesel) con consumi relativamente contenuti.
Ma pur sempre alti, al di sopra dell’obiettivo medio europeo fissato per il 2020 a 95 grammi. Perché è troppo, perché è sbagliato e persino Politicamente pericoloso.
Mi si dirà: non esageriamo, si tratta pur sempre di appena mille euro di bonus, quando i concessionari (e le pubblicità) ne promettono sconti di almeno 5 o 6 mila euro, per poco più di 100 mila auto su 1,2 milioni (stima vendite 2020, nel 2019 se ne sono vendute 1,9 milioni). Non è così: è politicamente pericoloso e rilevante.
Il limite di 95 grammi CO2 al km
Le politiche europee da 10 anni hanno posto alle case produttrici l’obiettivo di non emettere più di 95 grammi. Poiché tale risultato, già 3 anni fa, era ben lungi dall’essere raggiunto (in Italia siamo oggi a 112 grammi in media), il nuovo regolamento europeo messo a punto dopo il dieselgate ha stabilito che ogni casa auto dovrà ottemperare all’obbligo di abbassamento graduale delle emissioni medie da 95 grammi a 65 grammi al 2030, secondo un complicato algoritmo, che tiene conto del peso dell’auto (le auto grandi possono inquinare di più) e di un contributo alla media che vale il doppio per le auto elettriche (per esempio, per FCA: ogni “500e” venduta vale come 2 auto a emissioni zero, mediate con 10 Jeep da 135 conta uno, la media delle 11 conta più o meno 110). Inoltre il calcolo delle emissioni (proporzionale ai consumi) è valutato sulla base del vecchio ciclo di omologazione che sottostima consumi e emissioni di CO2 del 40% circa (vedi ad es. le prove su strada di “Quattroruote”).
Se si superano i 95 grammi, la casa auto paga la multa. Quanto? Tanto, perché proporzionale al numero di auto vendute e ad ogni grammo di superamento: si tratta di miliardi per le più note case auto, ben 24 miliardi tra tutte con il livello medio delle emissioni del 2018 (stima Global Data ripresa da IlSole24ore). Anche in questo caso, è prevista una scappatoia: la cessione di quote di elettrico tra produttori. Ad esempio FCA ha già stipulato accordo con Tesla e - si stima – che, per evitare multe, dovrà acquistare quote di auto elettriche per più di 2 miliardi!
Chi chiede incentivi alle auto con più di 95 grammi, otterrà come risultato di aumentare la fattura che Tesla manderà ad FCA. Paradossale, ma è così (fine prima puntata).

Puntata iniziale (aprile): come funzionava incentivo DL Rilancio (per poche settimane agosto 2020)
Puntata precedente, ecco cosa scrivevamo prima del nuovo DL “agosto” e come funziona il nuovo incentivo e quanti soldi vengono riservate alle varie categorie di auto.


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia