LO SAPEVI CHE


Mobilità
 

Bimbi in auto sicuri

Evitare di spostarsi in auto con bimbi al seguito è la soluzione ideale, per noi e per loro. Ma se proprio non si può, cinture sempre allacciate e seggiolini omologati: ecco alcune delle attenzioni da prendere per proteggere i nostri piccoli passeggeri e viaggiare tranquilli.

Consiglio Tempo Costo Vantaggio
1

Tutte le volte che è possibile, evita di usare l'auto con i bambini.

2

Il seggiolino, oltre che obbligatorio, è sempre indispensabile, anche nei brevi tragitti urbani. Costo indicativo: da 130 fino a 400 euro per un seggiolino di qualità, da 20 a 40 euro per un adattatore.

3

Per la sicurezza dei bambini, vostri e altrui, non comprate auto alte e SUV. Se l'avete, come primo atto d'amore per vostro figlio, vendetelo.

4

Presta particolare attenzione alla guida in zone frequentate dai bambini. Cerca di prevedere l'imprevedibile.

Sempre cintura e seggiolino
Non ci sono scuse: i seggiolini sono obbligatori e devono essere usati sempre, anche nei primi giorni di vita, anche nei brevi tragitti urbani (dove per altro avvengono la maggior parte degli incidenti). I vostri bambini detestano le cinture? Sta a voi cercare di rendergliele accette, dando il buon esempio o magari facendo qualche sosta in più nei viaggi lunghi.
Senza cintura basta una brusca frenata o un piccolo tamponamento per scaraventare vostro figlio in avanti come un proiettile. Il corretto uso dei seggiolini può ridurre il rischio di morte da incidente stradale del 69% sotto l'anno di vita e del 47% tra 1 e 4 anni. Il 24% dei traumi non fatali in età pediatrica potrebbe essere prevenuto se i piccoli passeggeri fossero allacciati correttamente: il rischio di trauma per bambini non correttamente allacciati è di tre volte maggiore, 5 volte se seduti sul sedile anteriore.
Purtroppo, dagli ultimi dati, solo 4 bambini su 10 viaggiano in auto su un seggiolino e l'uso di sistemi di ritenuta diminuisce del 50% per i brevi spostamenti in città, dove si concentrano il 70% degli incidenti stradali (fonte: ACI).

Quale seggiolino per l'auto?
L'uso di seggiolini o adattatori omologati è obbligatorio per il Codice della strada italiano per tutti i bambini con meno di 12 anni, e più piccoli di 1,5 metri di altezza e 36 chili di peso. Per esser omologato il seggiolino deve riportare una etichetta arancione con le sigle ECE R44 (o solo R44), segue poi la portata massima in Kg del peso del bambino. La stampa E, seguita dal numero del paese in cui è stata fatta l'omologazione (l'Italia è E3) e codice dell'omologazione. La scritta “Universal” fa riferimento all'applicazione su qualsiasi modello di auto. Infine la classificazione per i bambini a cui sono destinati, secondo lo schema esposto nella tabella 1.

Tabella 1: caratteristiche e uso di seggiolini e adattatori secondo il codice della strada

 classe peso sedili anteriori sedili posteriori
0 sino a 9 kg di peso seggiolino contro marcia, con airbag disattivato seggiolino o navicella (per i primi mesi), o in braccio ad una persona di almeno 16 anni
0+ sino a 13 kg di peso seggiolino contro marcia, con airbag disattivato seggiolino o in braccio ad una persona di almeno 16 anni
1 infanti da 9 a 18 kg di peso seggiolino contro o fronte marcia, con airbag disattivato seggiolino fronte marcia
2 bambini tra i 18 e i 25 kg seggiolino o adattatore fronte marcia, con airbag disattivato seggiolino o adattatore fronte marcia
3 bambini tra i 25 e i 36 kg, oppure sino a 150 cm adattatore fronte marcia, con airbag disattivato adattatore fronte marcia

Come utilizzarlo al meglio
Non basta acquistare un seggiolino, occorre utilizzarlo anche in modo che sia davvero sicuro.
Qualche esempio. Non ha senso appoggiare la culla sul sedile posteriore, anche se la stessa viene agganciata alle cinture. Non basta neppure che i sedili per bambini siano semplicemente fissati con ganci: anche minimi movimenti o frenate possono infatti provocarne lo sganciamento. Il seggiolino di sicurezza può essere collocato sul sedile anteriore solo se si ha la possibilità di disattivare l'airbag frontale. Il posto, però, più sicuro dove sistemarlo è dietro e al centro, anche se in genere, adattatori e seggiolini sono compatibili con gli airbag laterali.
Attenzione inoltre ad altri particolari: se la famiglia dispone di più macchine vale la pena trovare un modello "Universal", facile e veloce da spostare. Meglio quelli sfoderabili e facili da pulire, perché non sono pochi i bambini che soffrono il mal d'auto.
Se non ci sono seggiolini e dovete comunque portare il piccolo in macchina, allora è sempre preferibile il sedile posteriore di fianco ad un adulto che lo curi (o lo tenga in braccio se molto piccolo). Ricordarsi che i bambini contano come un passeggero intero per l'omologazione di un auto (se per 5 persone, al massimo tre adulti e due bambini!).

E in taxi o con il car sharing?
La legge non obbliga i taxi a disporre di seggiolini, ma alcune società offrono la possibilità di affittarli anche per brevi tragitti, con un sovrapprezzo che oscilla tra gli otto e i dieci euro. I servizi di car sharing, invece, li mettono a disposizione solo su richiesta, previo ritiro in sede: di solito gli abbonati si acquistano un loro seggiolino, adatto alle esigenze e all'età del proprio bambino.

Attenzione, bimbi in strada
Non sono molti i genitori attenti alla sicurezza dei propri bambini all'interno dell'auto (e che magari con quella scusa si comprano il fuoristrada) che manifestano altrettanta preoccupazione quando il bambino scende dal mezzo: basta osservare quello che succede tutte le mattina di fronte ad una scuola. Nei pressi degli asili, delle scuole e dei parchi giochi, l'attenzione alla guida va raddoppiata: si deve tener conto dell'imprevedibilità del comportamento dei bambini e della loro bassa statura, che li rende invisibili agli specchietti retrovisori e ai cofani delle auto troppo alte. Fermare completamente la vettura prima di far scendere il bambino sempre e solo dal lato del marciapiede. Non fermarsi mai sui passaggi pedonali, in una colonna d'auto, all'incrocio o in curva: questi comportamenti mettono in pericolo sia i propri che gli altri bambini.


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia