LO SAPEVI CHE


Clima in casa
 

La caldaia e l'impianto autonomo

L'impianto di riscaldamento è un po' come l'automobile, per consumare poco e inquinare meno occorre un'accurata manutenzione. Qui alcuni consigli per farlo funzionare al meglio: dai controlli periodici obbligatori per mantenerlo efficiente e in sicurezza agli interventi di riqualificazione per ottimizzarne i consumi.

Consiglio Difficoltà Convenienza
1

Fai controllare la caldaia da un tecnico autorizzato alla scadenza prevista e conserva copia del rapporto di controllo. Chiedi consiglio in merito alla convenienza di interventi sulla caldaia e sull'impianto di riscaldamento. Costo indicativo: 80-90 euro solo pulizia; 120 euro pulizia con analisi dei fumi.

2

Applica valvole termostatiche nei locali o sui caloriferi che necessitano di regolazione. Costo indicativo: circa 60-80 euro a calorifero, se non già predisposto; diversamente 20 euro circa.

3

Regola attentamente la valvola termostatica (obbligatoria sul nuovo e sul ristrutturato) in funzione delle necessità: puoi risparmiare circa il 10% delle spese di riscaldamento. Nessun costo.

4

Sostituisci la caldaia con una a condensazione, con relativa messa a punto dell'impianto di distribuzione. Costo indicativo: circa 2.500 euro, esclusi interventi sulla distribuzione.

Detrazione 50% (ex 36%)
Le spese documentate di ristrutturazione edilizia godono della detrazione Irpef del 50% sino al 31 dicembre 2013 (Dl 4 giugno 2013), quando, salvo diverse disposizioni, si tornerà al 36%. L'importo massimo detraibile è di 96mila euro per unità abitativa, da ripartire in 10 quote annuali.

Detrazione 65% (ex 55% - risparmio energetico)
Le spese sostenute per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con l'installazione di caldaie a condensazione sono detraibili dalle tasse al 65%, sino ad un massimo di 30mila euro (su un totale di spesa di circa 46mila euro). La detrazione, da ripartire in 10 anni, è prorogata dal 6 giugno fino al 31 dicembre 2013 per tutti gli edifici e fino al 30 giugno 2014 per i condomini.

Per saperne di più...

Essere a norma
L'impianto di riscaldamento è un po' come l'automobile: per funzionare bene, consumare poco e inquinare meno occorre un'accurata manutenzione. Proprio per questa ragione la legge ha reso obbligatori i controlli sulla sicurezza e sull'efficienza degli impianti termici anche per le piccole caldaie autonome.
Il responsabile dell'impianto (il proprietario o l'occupante dell'alloggio) ha l'obbligo per legge di fare effettuare le operazioni di manutenzione e le analisi di combustione della propria caldaia (controllo fumi con annessa pulizia), pena una multa che può andare dai 500 ai 3mila euro, con la cadenza temporale prevista dalla normativa.
Per gli impianti fino a 35 kW il controllo deve essere biennale nel caso di impianti a metano (a meno di diversa prescrizione scritta sul libretto di impianto), o avvenire ogni quattro anni nel caso di impianti che non superino gli otto anni di età, a camera stagna o installati all'aperto. Alcune Regioni hanno però introdotto normative sui controlli più restrittive: ad esempio, in Lombardia, la manutenzione deve essere effettuata almeno una volta ogni due anni.
Al termine di ogni controllo, il manutentore redige e sottoscrive il rapporto di controllo tecnico (Allegato G del decreto legislativo 192/2005, confermato dal successivo 311/2007), in cui sono riportate le operazioni effettuate, le eventuali anomalie rilevate ed i provvedimenti finalizzati ad eliminarle.
Una copia del rapporto è conservata dal responsabile dell'impianto, ed è parte integrante del “Libretto di impianto” (o “Libretto di centrale”, nel caso di grande impianto), l'altra viene trasmessa dal manutentore all'ente responsabile delle verifiche: il Comune o la Provincia, per i Comuni che contano meno di 40mila abitanti. Ogni Regione ha adottato proprie procedure: in Lombardia ad esempio il manutentore informatizza la Dichiarazione di avvenuta manutenzione (Rapporto tecnico di controllo+contributo economico obbligatorio di 5 euro) sul C.U.R.I.T. (Catasto Unico Regionale Impianti Termici della Regione Lombardia) che avrà validità per le due stagioni termiche successive a quella in cui è stata effettuata.
La correttezza della manutenzione deve poi essere verificata dalle strutture comunali o provinciali preposte, per almeno il 5% degli impianti presenti nel territorio di competenza, a partire da quelli per i quali non sia pervenuta alcun rapporto di controllo tecnico (rapporto di manutenzione). Ovviamente tali ispezioni hanno un costo, che è a carico dell'utenza e che ogni ente locale copre con procedure diverse. In numerose amministrazioni, il cittadino che fa svolgere la manutenzione del proprio impianto ha la possibilità di versare un contributo economico (di entità variabile a seconda della Regione di appartenenza) al proprio manutentore, che lo destina all’ente incaricato di effettuare i controlli. Chi sceglie di versare questo contributo, non dovrà farsi carico dei costi di una eventuale ispezione.

Non oltre i 20 gradi, lo dice la legge
Una legge nazionale (DPR 412/1993 modificato dal DPR 551/99) stabilisce che la temperatura interna di case e uffici non deve superare i 20 gradi centigradi, con due gradi di tolleranza, calcolati facendo una media dei vari ambienti dell'appartamento. Si tratta di valori considerati ottimali per il comfort termico anche dai regolamenti locali di igiene, che nei luoghi dove si svolge un’attività consigliano una temperatura interna di 19/20 gradi d’inverno e di 26/27 d’estate, con umidità relativa compresa tra il 40 e il 60%.
Esagerare con la temperatura, oltre che alla salute e all'ambiente, danneggia anche il portafoglio: un solo grado di temperatura in più del necessario fa aumentare i consumi del 6-7% (100 euro/anno). Anche del 40%, per chi vive a 24 gradi, come spesso succede nei negozi!

Ciascun proprietario o inquilino può richiedere a proprie spese un controllo del rispetto di valori massimi della temperatura, con costi e modalità che variano a seconda del Comune di appartenenza. A Milano, ad esempio, il costo dell’ispezione ammonta a 66 euro e il richiedente è esonerato dal pagamento nel caso in cui si attesti che la temperatura risulti superiore ai limiti previsti dalla normativa. Attenzione: l’eventuale verifica richiesta non esula dalle operazioni di controllo e di manutenzione dell’impianto termico.

Periodi e orari di accensione
Ciascun utente è sempre direttamente responsabile anche del periodo annuale di accensione e della durata giornaliera di attivazione dell’impianto termico. Il decreto nazionale 412/1993 suddivide il territorio italiano in sei zone climatiche (dalla A alla F), in funzione dei gradi-giorno, e stabilisce per ognuna dei limiti precisi relativi ai periodi dell'anno in cui è possibile tenere accese le caldaie e al numero di ore in cui i termosifoni possono restare in funzione.
Ad esempio, a Milano, situata nella fascia climatica E, le caldaie possono rimanere accese dal 15 ottobre al 15 aprile per un massimo di 14 ore giornaliere, mentre a Catania, zona B, il periodo annuale di accensione va dal 1 dicembre al 31 marzo per non più di otto ore al giorno. Nessuna limitazione invece per Trento, situato in zona F.

Tempo di sostituire la caldaia
Se la caldaia è vecchia, richiedete un preventivo per sostituirla e controllate i possibili vantaggi di riduzione dei consumi. Le migliori caldaie a gas oggi disponibili sono quelle così dette a condensazione, perché capaci di sfruttare anche il calore latente del vapore acqueo contenuto nei tubi di scarico. Per questa ragione consentono un aumento del rendimento fino al 30% se si interviene anche sul sistema di distribuzione del calore (leggi qui). Sono caldaie che costano anche il 50% di più, ma che possono usufruire di maggiori detrazioni fiscali.

Programmare la temperatura
La regolazione della temperatura interna ai vari locali non è sempre facile a causa di diversi fattori: la differente esposizione (le stanze a nord sono più fredde), le variazioni del tempo e la presenza di finestre (in una bella giornata si può persino spegnere il calorifero della camera soleggiata). Quando la differenza di temperatura nello stesso appartamento è notevole si può applicare una valvola termostatica al calorifero: si tratta di un semplice apparecchio che sostituisce la normale valvola di chiusura e consente di regolare automaticamente l’afflusso di acqua calda in base alla temperatura scelta ed impostata su un'apposita manopola graduata. La valvola, che costa poche decine di euro, si chiude via via che la temperatura ambiente, misurata da un sensore, si avvicina a quella desiderata.

Detrazione 65%
La detrazione viene riconosciuta per i seguenti interventi:

  • sostituzione della caldaia con una a condensazione e contestuale installazione delle valvole termostatiche ai radiatori;
  • trasformazione di impianti individuali autonomi in impianti centralizzati dotati di dispositivo per la contabilizzazione del calore.

Per ususfruire della detrazione è necessario che:

  • si sia prodotta l’asseverazione di un tecnico abilitato che attesti il rendimento del generatore di calore e il rispetto ai requisiti di legge. In alternativa questo documento può essere sostituito dalla certificazione del produttore della caldaia e delle valvole termostatiche;
  • si sia provveduto a trasmettere per via telematica all'Enea, la scheda informativa dell'intervento effettuato, entro 90 giorni dalla fine dei lavori;
  • sia stata inoltrata comunicazione via web alla Agenzia delle Entrate per i lavori che proseguono oltre il periodo d'imposta nel quale sono iniziati;
  • si conservi la documentazione fiscale, la ricevuta dei bonifici effettuati e la ricevuta di inoltro all'Enea.


NESSUN COMMENTO


LASCIA UN COMMENTO

Per lasciare un commento è necessario autenticarsi.
Se non ti sei ancora registrato, clicca qui.


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia