CALCOLATORI



Perché calcolare la propria “impronta di carbonio”?

Per capire come cambierà la nostra vita nel prossimo futuro. E cominciare a decidere come e quando farlo.

Intanto: cosa vuol dire “impronta di carbonio” e perché? Molte trasformazioni energetiche comportano oggi un consumo di combustibili fossili (petrolio, metano...) che, bruciando, emettono in atmosfera una certa quantità di CO2 (anidride carbonica) e altri gas di origine fossile. Questi gas sono la causa principale dei cambiamenti climatici causa di catastrofi, incertezza per le produzioni agricole, danni sanitari e migrazioni di popolazioni in diverse parti del mondo. Secondo l'Unione Europea e le Nazioni Unite i paesi industrializzati della terra dovrebbero ridurre le proprie emissioni inquinanti del 20-30% entro il 2020 e del 80-95% entro il 2050.

Quindi anche ogni azione individuale e collettiva che compiamo, comporta un certo inquinamento dell'atmosfera planetaria. Come acquistare un prodotto che abbia comportato un consumo di energia non rinnovabile nella sua produzione (in Cina o in Italia), fare il pieno della propria automobile, accendere la luce, mandare una mail, usare i mezzi pubblici o i servizi sanitari. Ma quanto? E cosa può davvero fare ciascuno di noi nel proprio piccolo?


    Licenza Creative Commons. I contenuti di questo sito sono rilasciati con licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia